Cristina “SORRISI IN ROSA”

Fattore K, blog di storie e riflessioni sul cancro, vi propone una bellissima esperienza di immagini e parole che ha dato spazio ai sorrisi di donne colpite dal tumore al seno! Grazie a Cristina, siamo onorate di averti sul nostro blog!

Luisa e io ci siamo conosciute per caso, sempre che il caso esista, nel 2005. Il caso si chiamava “cancro al seno”, una diagnosi cascata sulla testa a entrambe ad un anno di distanza.

Luisa è stata le mie prime “parole di luce”, come mi piace definirla. È stata la prima persona a farmi sentire meno sola, a farmi capire che da quella lavatrice di ombre e paura ne potevo uscire. A farmi capire che la donna che ero stata l’avrei ritrovata, ancora più forte e bella di prima.

Sì, perché il cancro al seno mette a dura prova quella che è la tua femminilità, se ne impossessa e la ribalta, come i ladri che ti entrano in casa di soppiatto e buttano tutto all’aria, mettono le mani dappertutto, violano tutto.

Ti tocca il seno, nel migliore dei casi lasciandoti una cicatrice in esito di una quadrantectomia; Ti ruba i capelli, la chemio non perdona; Ti regala una prova generale di menopausa, allontanando o negando la possibilità di diventare un giorno madre.

Luisa, che quell’avventura l’aveva già attraversata ed era davanti a me bella e luminosa, mi ha saputo regalare quelle parole di conforto preziose e lenitive di cui avevo bisogno, come uno che si è smarrito per giorni nel deserto e vuole solo un sorso d’acqua.

Così quando due anni fa mi ha proposto di diventare testimonial del suo progetto fotografico, che voleva regalare alle donne colpite dal cancro al seno un messaggio di speranza, ho accettato subito e ho  rilanciato, proponendole di usare proprio le parole, che sono la mia passione e la mia vita, per dare ancora più corpo alla sua idea.

Così accanto ai suoi meravigliosi ritratti fotografici, che Luisa scatta, con amore e grande professionalità, scegliendo insieme alle singole testimonial il set naturale da loro preferito, abbiamo composto dei meravigliosi ritratti a parole, frutto di laboratori creativi in cui le ex pazienti coinvolte si sono messe in gioco e si sono raccontate, al di là della malattia.

Il potere creativo delle parole, infatti, è molto utile per riconoscersi e prendersi cura di sé, anche in situazioni critiche come la malattia; ci permette di riprende il contatto con noi stessi e scoprire che non siamo quello che facciamo, ma siamo molto di più, rigenerandoci attraverso la nostra stessa storia.

A oggi sono 24 le donne che hanno preso parte al progetto “Sorrisi in Rosa”; 24 donne meravigliose, che hanno attraversato il difficile percorso del cancro al seno e hanno voluto testimoniare “mettendoci la faccia e il cuore” che si può guarire e rinascere più belle e forti di prima. Ma già abbiamo contatti con nuove testimonial che vogliono dire alle loro sorelle “coraggio che ce la puoi fare”!

Humanitas ha visto in questo progetto la grande forza delle idee spontanee e del valore dei messaggi condivisi tra pari e ha sposato la nostra idea trasformando “Sorrisi in rosa” in una serie di appuntamenti nel mese di ottobre dedicati alla prevenzione. 

Senza questa avventura magari Luisa e io non ci saremmo mai conosciute e non avremmo mai messo a frutto le due facce complementari della nostra creatività dando speranza e voce  a tante altre donne. Perché ogni giorno è bellezza e va celebrato. E ogni donna è un essere meraviglioso e va onorato.

2 risposte a “Cristina “SORRISI IN ROSA””

  1. un progetto stupendo fatto con il cuore con Cristina…
    felici con tutti i nostri sorrisi in rosa di donne meravigliose…..
    Luisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *